MAC Cosmetics,  Recensioni al volo,  review,  strobe cream

Focus on: MAC Strobe Cream

mac strobe creamSe dovessi pensare ad un prodotto che negli ultimi tempi ha rivoluzionato il mio modo di truccarmi non posso che citare la Strobe Cream di MAC.

Si tratta di una crema illuminante che al suo interno contiene degli ottimi principi idratanti e antiossidanti, quindi non solo uno strumento di bellezza ma anche un prodotto per la cura della pelle.

La Strobe Cream ha da molti anni il suo seguito di ammiratori, ma io l’ho scoperta solo di recente e ho pensato di darle un’opportunità grazie al formato ridotto da 30ml che mi è costato solo 10,00€ (vs. i 34€ del full size da 50ml). La consistenza di questo prodotto è più densa di quanto credessi; abituata al primer illuminante di L’Oréal che è liquidissimo, mi sono invece trovata di fronte ad una vera e propria crema densa e corposa. Fortunatamente però si assorbe più facilmente di quanto non lasci credere, non risultando pesante neanche su  una pelle mista come la mia. L’effetto una volta assorbita è quello di una pelle radiosa, splendente, probabilmente non un finish per tutti ma se pensate che la si può sfruttare benissimo come base per altri prodotti capirete il perché mi piace tanto.

Il suo pregio più grande è la versatilità: da quando l’ho acquistata l’ho sfruttata in diversi modi e situazioni, e mi ha conquistata in ciascuno di essi.  Il metodo che preferisco è mischiarne un po’ con il fondotinta, in particolare con quelli che hanno una formulazione o troppo liquida o troppo asciutta (ad esempio il Synchro Skin di Shiseido o la Infallible 24h Matte di L’Oréal) per perfezionarne la consistenza. Nel primo caso la Strobe  Cream andrà a rendere più cremoso il fondotinta che altrimenti sarebbe liquidino e cipriato, mentre nel secondo aiuta ad ammorbidire e idratare una formula troppo secca, dandole un aspetto più naturale e luminoso. Ho riscoperto il piacere di utilizzare determinati fondotinta proprio grazie all’intervento della Strobe Cream, mentre sono al contempo riuscita ad adattare alle mie esigenze una base come il Synchro Skin che come texture non mi convinceva se indossato da solo.

Se invece volevo usare una base già di per sé leggera mi sono ritrovata a sfruttare la Strobe Cream come vero e proprio primer, applicandola su tutto il viso prima del fondotinta. Non trovo che questa applicazione migliori la resa o la tenuta del fondotinta stesso, tant’è che non è classificata come “primer” da nessuna parte, ma ciò che fa è alleggerire la coprenza di un secondo prodotto facendo trapelare una luminosità che si scambia per quella della pelle del viso. E’ sicuramente un metodo che vedo più adatto a chi ha una pelle più secca o per chi predilige basi leggere – tant’è che lascia la pelle meravigliosamente idratata – personalmente invece la sfrutto di più in inverno che durante i mesi più caldi.

Un terzo utilizzo la vede nelle vesti di illuminante vero e proprio, ossia picchiettata su punti strategici del viso (i classici zigomi per tutti, ma anche su fronte, naso e mento per pelli secche); il finish rimane molto discreto se la si usa in piccole dosi, ma si può tranquillamente intensificare ripassandoci su con un secondo strato. Ciò che mi piace di più di questa applicazione è il fatto che, trattandosi di una crema e non contenendo glitter, non risulta artificiale, o perlomeno non quanto un illuminante in polvere. Per chi è fortunatamente dotato di una pelle perfetta può anche permettersi di non indossare alcuna base e utilizzare semplicemente la Strobe Cream come appena spiegato, giusto per creare un effetto “Strobing” molto naturale (se fate parte di questa categoria sappiate che vi invidio non poco).

Ciò che vi starete chiedendo tutti invece è sicuramente: “Ma è adatta anche per una pelle mista?

Ciò che posso dirvi è che ovviamente non stiamo parlando di un primer opacizzante; chi non ama l’effetto “glowy” probabilmente non riconoscerà i pregi della Strobe Cream, ma sapete bene che per me non è un problema sembrare una palla da discoteca. In realtà non ho avuto alcun problema mentre il clima era ancora clemente, mentre ora che le temperature stanno rapidamente crescendo ho bisogno di ritoccare la cipria più di una volta al giorno, indipendentemente dalla base che indosso. Detto ciò, utilizzandone una piccola nocciolina mischiata insieme al fondotinta trovo che non mi dia alcun problema, anzi mi aiuta come vi dicevo a personalizzarne la texture, e quindi non posso che consigliarvi di provarla. Vi intimo in ogni caso a darle una chance anche visto il piccolo prezzo per un formato per niente spilorcio (30ml vi basteranno sicuramente per un bel po’) e di provare ad utilizzarla come vi ho suggerito, vedrete che non vi deluderà!

strobe cream mac

  • La strobe cream è un prodotto che mi incuriosisce assai, magari appena arriva l’autunno e ricomincerò a truccarmi le darò sicuramente una chance!

    • Fammi sapere se poi decidi di provarla! Per me è diventato un mai più senza :)