Bare Minerals,  clarins,  Essence,  Estée Lauder,  Kiko,  makeup,  maybelline,  Revlon,  the Balm

High vs. Low: favolose alternative a prodotti altrettanto favolosi

DSC_0024Oggi non si parla di dupes ( = copie, doppioni), ma di alternative, in pratica di quei prodotti che possono tranquillamente considerarsi all’altezza dei loro colleghi più costosi. E’ vero, spesso è la qualità che si paga cara, ma con il tempo ho capito che non è una regola generale, perché esistono tantissimi prodotti che costano forse la metà o addirittura molto meno dei loro simili di alta profumeria ma che non hanno niente da invidiare loro. Ho pensato di mostrarvi quelle che personalmente reputo delle ottime alternative a dei prodotti di fascia più alta in mio possesso, per dimostrarvi che non bisogna per forza investire dei capitali per avere prodotti validi.

DSC_0047Cominciamo subito con uno dei prodotti a me più cari: il rossetto. Sapete benissimo che di recente ho ampliato la mia collezione con un paio di rossetti high-end di cui ho anche già parlato in lungo e in largo in un video su Youtube; in particolare Tumultuous Pink di Estée Lauder (25€ ca.) mi ha conquistata con la sua formula cremosissima ma ultra-resistente e il suo colore da far girare la testa, ma c’è un rivale che gli tiene testa pur costando circa la metà: parlo di Cherry Blossom di Revlon (13€ ca.), rossetto dal colore assolutamente incantevole, che applicato la mattina resiste imperterrito fino a sera senza bisogno di eccessivi ritocchi, e che indossato risulta gradevolissimo dall’inizio alla fine. Non vedo differenze tra i due rossetti – qualitativamente parlando – e penso anzi che Revlon abbia fatto un ottimo lavoro anche per quanto riguarda il packaging, che risulta davvero raffinato per un rossetto che non costa 25€ (e che spesso si può trovare in offerta).

Sempre parlando di labbra, un’altra bella accoppiata è composta dal Natural Lip Perfector di Clarins (17€ ca.) e il Color Elixir di Maybelline (10€ ca.). Sempre nello stesso video che vi ho citato prima vi ho detto che, sebbene mi piaccia il lucidalabbra di Clarins, non ne giustifico assolutamente il prezzo, specialmente non quando la selezione di colori è tanto misera e davvero inconsistente (6 tonalità tutte molto trasparenti e delicate); i Color Elixir di Maybelline al contrario hanno uno splendido range di colori e la qualità mi ha stupito davvero in positivo. Ne avevo sentito parlare ovunque, sono diventati un prodotto cult in un battito di ciglia, ma personalmente mi sono convinta a provarne uno solo di recente e non ne sono rimasta delusa. Del lucidalabbra di Clarins apprezzo moltissimo la sua versatilità, poiché lo uso sopra ogni rossetto nude per un tocco di luce in più, oppure lo uso da solo quando non ho voglia o tempo di concentrarmi sulle labbra; ma sarò sincera con voi, penso di preferire la versione della Maybelline, perché la sensazione sulle labbra è la stessa, i colori sono molto più interessanti e anche la durata è nettamente migliore. Non sono una grande amante dei gloss, ma sto seriamente considerando l’ipotesi di portarmi a casa un altro paio di colori dei Color Elixir, il che la dice lunga!

DSC_0074Passando a occhi e viso, anche qua ho un paio di alternative interessanti. Innanzitutto parliamo del rinomato Mary-Lou Manizer di TheBalm (20€ ca.): l’illuminante degli illuminanti, con lui potete cancellare l’idea di discrezione dalla vostra mente, ma solo lui può farvi sentire una disco ball fighissima. Ebbene, c’è un brand che propone degli illuminanti altrettanto mozzafiato a circa un quinto del prezzo, e parlo di Essence. Acquistai quando uscì in edizione limitata Gold Digger (4,50€ ca.): polvere finissima, estremamente sfumabile e luminoso sulla pelle, insomma, un degno avversario di TheBalm. Purtroppo Gold Digger non è più reperibile, ma Essence continua a sfornare illuminanti favolosi nelle sue LE, tra cui The Glass Slipper, uscito di recente con la collezione di Cinderella (e che ho acquistato).

E per finire, bareMinerals vs. Kiko. Comprai il duo di ombretti The Epiphany di bareMinerals durante i saldi da Sephora, spinta dal desiderio di testare la qualità di questo brand di cui non avevo ancora provato niente. I due colori sono molto “noiosi” trattandosi del solito bronze-taupe un po’ shimmer affiancato da un marrone opaco con una punta di rosso, ma ho preferito andare sul sicuro; le polveri sono molto cremose e pigmentate, si sfumano facilmente e si prestano pertanto come ottimi colori da tutti i giorni, ma non sono rimasta soddisfatta della durata, nonostante io applichi sempre un primer come base. Poi mi tornò in mente la palettina Sumptuous Mocha di Kiko, acquistata chissà quanto tempo fa e amata alla follia. Messi a confronto, gli ombretti di Kiko hanno la stessa consistenza quasi cremosa al tatto, la pigmentazione è ottima e, per quanto noiosi possano risultare anche questi colori, il fatto di averne quattro all’interno della palette offre la possibilità di qualche variante in più. La differenza sta nel fatto che trovo gli ombretti di Kiko molto più resistenti una volta applicati. 1 – 0 per il low cost! No, nemmeno questa palette è più in commercio, ma sapete benissimo che Kiko lancia collezioni a raffica, e so per certo che quasi tutte le palette offerte dal brand hanno la stessa ottima qualità.

Tirando le somme, mi sento di poter tranquillamente affermare che spesso e volentieri i prezzi che troviamo in profumeria non sono giustificabili, considerato che diversi marchi di fascia low cost offrono una selezione sempre più apprezzabile e con quel tocco di freschezza in più che caratterizza chi sa mettersi in gioco. Detto ciò, sono convinta che ci siano anche alcuni prodotti che non hanno simili e per i quali vale la pena di fare un investimento un po’ più oneroso, ma personalmente devo ancora trovarli. Fatemi sapere se avete anche voi alcune alternative diverse dalle mie, o se possedete il prodotto che non ha eguali!

  • Hachiko Fu

    Se ti e’ piaciuto il lip perfector di Clarins, Catrice ha un dupe davvero quasi identico (sia nel packaging che in qualita’ di prodotto). Si chiama beautyfying lip smoother e costa sui 3/4€ :)

    • Ho visto! Solo che non c’è uno stand Catrice in città :(

  • Miki

    “Come spendi mangi”, in realtà non è affatto così. Non sempre almeno, come sottolineano i tuoi esempi, molto interessanti tra l’altro.

  • Chiara The World of Claire

    Post e prodotti davvero interessanti :D non sempre pagando di più si ottiene di più!