Make-Up estivo: prodotti e rinunce per un trucco che non cola

Make-Up estivo: prodotti e rinunce per un trucco che non cola

3Se potete evitare, evitate.

Ma se avete bisogno di spiattellarvi in faccia almeno un po’ di trucco per andare a lavorare o semplicemente perché avete voglia di truccarvi, magari potrebbe tornarvi utile sapere come faccio io in questi giorni a resistere un’intera giornata con temperature che sfiorano i 40° e un trucco che sta – quasi tutto – al suo posto.

Gli essenziali: un buon primer e/o un fissante in spray.

Se avete visto il video di Nikkie in cui ne parlava (non ricordo esattamente quale, aiutatemi!) probabilmente non vi stupirete nel vedere che come primer sto utilizzando il Balsamo Dopobarba Sensitive di Nivea, ma se la cosa vi giunge completamente nuova vi invito caldamente a guardare il filmato e a leggere i vari pareri in un mio recente status su Facebook. Non mi dilungherò a parlarne proprio oggi, in quanto voglio dedicargli un intero post, ma ciò che vi posso già anticipare è che mi sta piacendo davvero tanto come base per il trucco: ha una consistenza fluida leggerissima che si assorbe in un attimo e lascia la pelle morbida e idratata; non so poi il perché, ma il trucco che vi applico sopra successivamente si stende molto meglio e più facilmente, e lo fa resistere intatto fino a sera! E quando ho finito con la base fisso il tutto una seconda volta con il Mist&Fix di Make Up For Ever, anche se credo che l’All Nighter di Urban Decay sarebbe più indicato per la mia pelle (il Mist&Fix oltre ad essere un fissante ha anche un effetto idratante, che probabilmente si adatterebbe di più a una pelle secca invece che mista).

La base

In combinazione con il primer, quando fa così caldo tendo ad evitare prodotti in crema per la base, e ho quindi riscoperto il piacere di usare il Pressed Mineral Foundation* di Emani, che uso per uniformare l’incarnato e fissare il correttore, che in questi giorni è il Double Wear di Estée Lauder, una vera bomba in quanto a coprenza e tenuta. Nel complesso riesco ad ottenere una base non troppo pesante e facilmente ritoccabile, il tutto senza risultare fastidioso da indossare anche nelle ore più calde. L’unica aggiunta che tendo a fare è il bronzer, giusto per dare un po’ di calore (e colore) umano alla mia carnagione biancastra.

Gli occhi

Nei giorni in cui ho il turno del mattino non ci penso proprio a perdere tempo con ombretti, eyeliner e compagnia, ma al mascara non ci rinuncio. L’importante è sceglierne uno che abbia una resistenza eccezionale all’umidità, in modo da non stamparsi sopra e sotto l’occhio ogni volta che sbattete le ciglia. Io mi sto trovando incredibilmente bene con il Volume-à-Porter* di Lancome, che oltre all’ottima tenuta riesce a rendere le mie ciglia volumizzate, definite e incurvate fino a fine serata (complice ovviamente è l’immancabile piegaciglia!). Altra cosa essenziale è una matita color burro da utilizzare nella rima interna dell’occhio, perché se mi sveglio la mattina presto dopo una notte passata a rigirarmi nel letto per il caldo ho bisogno di neutralizzare il rossore degli occhi. La Magic Pencil* di Nabla è in assoluto la migliore che io abbia mai provato, sia per la colorazione né troppo bianca né troppo gialla, ma specialmente per la durata che ha nella rima interna: laddove le altre matite tendono a scomparire nell’arco di un paio d’ore, lei rimane fissa al suo posto fino a sera, anche in condizioni estreme; davvero un gioiellino! E per domare infine le sopracciglia, mi basta una passata del Gel 3 in 1 di Collistar per uniformarle in colore e forma, lasciandole così estremamente naturali ma leggermente più definite.

Le rinunce

Mi piange il cuore, ma con questo caldo non riesco proprio a indossare il rossetto. Che sia opaco o lucido poco importa, avere qualcosa sulle labbra mi fa impazzire; siccome tendo a sudare molto in faccia – specialmente sul mento e sul naso – avere il rossetto mi mette in uno stato d’ansia continuo, perché ho sempre paura di andare a spalmarmelo di qua e di là senza accorgermene mentre mi do una sistemata. E anche l’illuminante è momentaneamente in pausa di riflessione, poiché ritengo che di lucido ce ne sia già abbastanza sul viso senza bisogno di aggiungere anche una carrellata di shimmer.

6Insomma, diciamocelo: il trucco estivo è uno schifo per chi ama il makeup. Non si ha libertà di sperimentare né di osare, il momento del trucco diventa una sofferenza e non si vede l’ora di rimuovere il tutto il prima possibile… nel momento in cui lo si applica è perché lo si percepisce come una necessità, quando invece dovrebbe essere solo un piacere. Però con qualche rinuncia vedo che non mi risulta poi così drammatico doverlo indossare per un’intera giornata, e anche se c’è bisogno di un ritocchino a metà pomeriggio il fatto di aver usato pochi prodotti e mirati rende il tutto più veloce e semplice. Questo è quindi il mio make-up estivo standard…

Ora però ditemi voi come vi comportate quando dovete/volete truccarvi in queste giornate tropicali, e fatemi specialmente sapere se utilizzate uno spray fissante con il quale vi trovate particolarmente bene!

* I prodotti contrassegnati da asterisco (*) mi sono stati inviati a scopo valutativo. La mia opinione in merito non è assolutamente influenzata dalla loro provenienza.

1