makeup,  review,  wet n wild

Wet ‘n Wild “Comfort zone” eyeshadow palette review

DSC_0029

Ancora non mi sembra vero, ma qualche giorno fa, quando ho messo piede dentro a Upim, ho immediatamente avvistato il nuovissimo stand che d’ora in poi ospiterà due marchi americani per i quali noi stranieri sbaviamo da tempo, bramandone i prodotti ben sapendo di non avervi facile accesso. Eppure eccoli lì, Wet ‘n Wild e Physicians Formula in tutto il loro splendore, ordinatamente disposti e ancora completamente intatti, da quanto nuovi sono. La gente non ha ancora avuto modo di rendersi conto della rivoluzione appena avvenuta, non è consapevole di avere finalmente a portata di mano due brand che meritano tutta l’attenzione possibile, uno estremamente economico tra l’altro.

Vi sto intimando di tenere d’occhio i punti vendita Upim insomma, perché certi prodotti non potete proprio lasciarveli scappare. Parlando di Wet ‘n Wild, se ad esempio siete amanti del low cost di qualità, dovete assolutamente portarvi a casa un paio (o tutte) di palette da 8 o da 3 ombretti della linea Coloricon, e più o meno tutti i rossetti della linea Megalast (di cui vi parlerò in un post a parte); ma degni di nota sono anche i blush e gli smalti Megalast, e poi gli ombretti singoli e gli eyeliner liquidi…insomma, più o meno tutto quel che trovate, eccetto alcune cose di cui non ho sentito parlare molto bene (informatevi prima se non siete sicuri, Google è una risorsa preziosa in questi casi!).

Oggi vi do l’imput parlandovi di quello che è probabilmente il cavallo di battaglia dell’intero brand, ossia la palette da 8 ombretti “Comfort Zone“. Se non ne avete mai sentito parlare le opzioni sono due: o non seguite blog/canali Youtube di cosmesi, o vivete sulla Luna. Si tratta di una splendida composizione di ombretti neutri da un lato, e sui toni del verde dall’altro, che insieme creano un’armonia sublime agli occhi di una maniaca del colore come la sottoscritta. Non so cosa sia esattamente a renderla tanto attraente ai miei occhi, specialmente considerando il fatto che il verde è uno di quei colori che utilizzo sì e no due volte l’anno, ma questa palette ha il potere d’ipnotizzarmi e convincermi che sì, ho proprio bisogno di quel verdino à la Shreck nella mia vita.

PIGMENTAZIONE: la fama di questi ombretti li precede. Si dice che siano tra i più pigmentati in circolazione, e chi ha diffuso la voce non si sbagliava. Basta una sfregatina leggera sulle cialde per rendersi conto che questi ombretti non scherzano: eccetto due o tre tonalità (che non a caso sono anche le più chiare), tutte le altre sono di una pigmentazione mostruosa. E i due colori più chiari servono solo per accenti di luce in fondo, quindi non è necessario che appaiano come una colata di oro, no?

DURATA: Partendo dal presupposto che non uso mai degli ombretti in polvere senza una base sotto, devo dire che questi mi hanno piacevolmente stupito. Hanno un’ottima durata se abbinati ad una buona base (io li ho usati con i Color Tattoo di Maybelline e i Pupa Vamp), e restano belli intensi fino alla fine, senza svanire nel nulla dopo qualche ora e senza entrare nelle pieghette. Non penso si possa pretendere di più, specialmente non da una palette tanto economica!

Voglio inoltre menzionarne la SFUMABILITà, che mi ha davvero colpita: se infatti combinate i colori tra loro, noterete come questi si fondono perfettamente gli uni con gli altri, cosa che potuto osservare in pochissimi altri ombretti. Creare dei look colorati o scuri non è quindi un problema, un paio di pennellate e il gioco è fatto! Inoltre con questa combinazione di colori potete realizzare un’infinità di look, da quelli più neutri a trucchi intensi e colorati, grazie anche a quel gioiello nell’angolo in basso a destra, che secondo il mio modesto parere è la perla di questa palette.

Insomma, possiamo dire in definitiva che questa palette merita la fama che si è costruita. Stiamo parlando di un prodotto che costa meno di 7€, contiene 8 ombretti la cui qualità è superiore alla media, ed è stata ideata con intelligenza, sia per la scelta che per la disposizione dei colori (nel dubbio, avete pure le indicazioni su come usarli stampate direttamente sulle cialde). In pratica è un must have, e io non posso che raccomandarvela.

DSC_0038 DSC_0088 DSC_0098Tutti gli swatches sono stati fatti su di un primer DSC_0172DSC_0155DSC_0146